Il certificato medico non serve più: confusionari!

Stamattina uno dei miei studenti mi ha invitato a leggere un articolo su Il Messaggero, “Iscriversi in palestra o in piscina: il certificato medico non serve più ma ti obbligano a pagarlo”. Me lo sono letto con attenzione e sono rimasto di stucco, perché quando si veicolano questo genere di informazioni bisognerebbe citare leggi e regolamenti, altrimenti si crea una confusione incredibile in un ambiente, quello sportivo amatoriale, già terribilmente pasticciato.

Ho iniziato a navigare un po’ in rete e, come al solito, quasi tutti i giornali non hanno fatto altro che copiare una notizia ANSA del giorno prima. Il problema, però, persiste. In tutte le strutture sportive in cui si svolgono attività amatoriali (ASD e SSD) potrebbero arrivare decine di opposizioni da parte degli utenti, perché si continua a chiedere il certificato medico per l’attività sportiva, che una volta chiamavamo “di sana e robusta costituzione fisica”.

I giornali hanno battuto immediatamente la ‘notizia’ (che è tutto tranne che una novità) per cui l’obbligo sarebbe stato abolito, facendo intendere a tutti i frequentatori di palestre e centri sportivi che sono “costretti a pagare tra i 30 e i 50 euro il medico”, generando nuovamente la solita tiritera sui social network, dove ci sono gli utenti che si sentono i buoni (fregati!) e le strutture vengono viste come cattive (che fregano!).

In realtà, è vero che il cosiddetto decreto legge FARE del 2013 ha cancellato l’obbligo di presentare il certificato medico per svolgere attività ludico-motoria amatoriale, ma i giornalisti non hanno avuto la giusta cura di leggersi tutto e di chiarire la differenza che ha espresso il legislatore tra attività ludico-motoria e non agonistica. Non parliamo, ovviamente degli atleti che praticano attività sportiva agonistica, che devono sempre sottoporsi a visite specialistiche ed esami clinici approfonditi, esclusivamente in strutture autorizzate di medicina dello Sport, siano esse pubbliche o private.

Andiamo a leggerci l’Articolo 2 del Decreto Ministeriale del 24 aprile 2013: “è definita amatoriale l’attività ludico-motoria, praticata da soggetti non tesserati alle Federazioni sportive nazionali, alle Discipline associate, agli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, individuale o collettiva, non occasionale, finalizzata al raggiungimento e mantenimento del benessere psico-fisico della persona, non regolamentata da organismi sportivi, ivi compresa l’attività che il soggetto svolge in proprio, al di fuori di rapporti con organizzazioni o soggetti terzi”.

il certificato medico non serve piùCon il Decreto Legge 21.06.2013 n. 69, all’art. 42 – bis (intestato “Ulteriore soppressione di certificazione sanitaria“) si stabilisce che “al fine di salvaguardare la salute dei cittadini promuovendo la pratica sportiva, per non gravare cittadini e Servizio sanitario nazionale di ulteriori onerosi accertamenti e certificazioni, è soppresso l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’articolo 7, comma 11, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158 […] e dal decreto del Ministro della salute 24 aprile 2013″. Però, “rimane l’obbligo di certificazione presso il medico o il pediatra di base per l’attività’ sportiva non agonistica. Sono i medici o pediatri di base annualmente a stabilire, dopo anamnesi e visita, se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti come l’elettrocardiogramma“.
Questo significa che tutti i tesserati alle Associazioni o Società Sportive Dilettantistiche affiliate ad Enti di promozione sportiva sono da considerarsi atleti non agonisti e per tanto per essi continua ad esistere l’obbligo di certificazione medica non agonistica. La responsabilità nel caso di assenza del certificato è del presidente della associazione/società sportiva non agonistica !

Nota a margine

Per chi volesse approfondire, ecco cosa dice l’Articolo 3 Decreto Ministeriale 24 aprile 2013:

“1. Si definiscono attività sportive non agonistiche quelle  praticate dai seguenti soggetti:

a) gli alunni che svolgono attività fisico-sportive organizzate dagli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche;

b) coloro che svolgono attività organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni sportive nazionali, alle Discipline associate, agli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, che non siano considerati atleti agonisti ai sensi del decreto ministeriale 18 febbraio 1982;

c) coloro che partecipano ai giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.

2. I praticanti di attività sportive non agonistiche si sottopongono a controllo medico annuale che determina l’idoneità a tale pratica sportiva. La certificazione conseguente al controllo medico attestante l’idoneità fisica alla pratica di attività sportiva di tipo non agonistico è rilasciata dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta, relativamente ai propri assistiti, o dal medico specialista in medicina dello sport su apposito modello predefinito (allegato C).
3. E’ obbligatoria la preventiva misurazione della pressione arteriosa e l’effettuazione di un elettrocardiogramma a riposo, refertato secondo gli standard professionali esistenti.
4. In caso di sospetto diagnostico o in presenza di patologie croniche e conclamate è raccomandato al medico certificatore di avvalersi della consulenza del medico specialista in medicina dello sport e, secondo il giudizio clinico, dello specialista di branca”.
Con la circolare ministeriale dell’11.09.13 redatta dall’Ufficio legislativo del Ministero della Salute è stato precisato che “l’articolo 3 del decreto ministeriale 24 aprile 2013 […] sia da considerarsi vigente, ad eccezione del comma 3 dello stesso articolo, che aveva disposto l’obbligo dell’effettuazione dell’elettrocardiogramma“.
Tirando le somme… Le Associazioni e le Società Sportive Dilettantistiche affiliate agli Enti di Promozione Sportiva (oppure alle Federazioni Sportive Nazionali) hanno l’obbligo di richiedere ai propri tesserati un certificato medico che ne attesti l’idoneità alla pratica sportiva non agonistica!L’elettrocardiogramma non è obbligatorio ma discrezionale e la responsabilità relativa alla richiesta/esecuzione dello stesso non potrà che ricadere sul medico prescrittore che rilascia il certificato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione del sito o confermando tramite il tasto "Accetto" ne accetti l'utilizzo. Se vuoi saperne di più: Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi